Progetto di ricerca: "reCOVeryaID - Un'applicazione di telemonitoraggio intelligente per pazienti sintomatici, asintomatici e pre-sintomatici al Coronavirus."

Finalità

L'obbiettivo principale di questo progetto è il monitoraggio dei soggetti che si trovino, al proprio domicilio, in osservazione per infezione da COVID-19, al fine di controllare i parametri vitali. reCOVeryaID per ora nasce come applicazione stand-alone, in quanto interfacciata esclusivamente con la base di dati propria al sistema. Ad ogni modo, è d’interesse la possibilità di far interagire facilmente in un prossimo futuro reCOVeryaID anche con le basi di dati dell’aziende ospedaliere italiane.

Obiettivi

Nell’emergenza COVID-19, l’utilizzo del sistema reCOVeryaID di Assistenza Domiciliare Integrata permetterà dunque di:

  • monitorare persone con possibili crisi respiratorie;
  • lasciare a casa soggetti che non versano in pericolo imminente, evitando così di occupare posti letto ospedalieri, che verranno, a questo punto, liberati per le urgenze;
  • monitorare quella parte della popolazione a cui non è stato somministrato il test da COVID-19, ma che potrebbe essere costituita da possibili soggetti asintomatici o pre-sintomatici;
  • misurare i parametri essenziali al fine di evitare una crisi respiratoria per i pazienti COVID-19 non ancora ricoverati in terapia intensiva;
  • consentire ai Medici di Medicina Generale (MMG) di tenere costantemente sotto controllo il paziente stesso, senza il rischio di un possibile contagio dovuto ad un contatto diretto.


Temi

Telemedicina

Assistenza domiciliare integrata

Telemonitoraggio

Home-Care

Web-App

Intelligenza artificiale

Informatica medica

Tecnologie chiave

Basi di Dati

Sistemi basati su regole

Applicazioni

Sanità

Sistemi di telemonitoraggio

Contatto per questo elemento in archivio

Daniela D'Auria ( ,   sito web)

Daniela D'Auria ha conseguito la laurea in Ingegneria Biomedica presso l'Università di Napoli Federico II. Successivamente, ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria Informatica e dell'Automazione presso la stessa Università sotto la supervisione dei professori Bruno Siciliano e Blake Hannaford. Attualmente è ricercatrice presso il laboratorio Smart Data Factory, il laboratorio di trasferimento tecnologico della Facoltà di Informatica della Libera Università di Bolzano. Inoltre, è anche membro del Centro Interdipartimentale per l'Avanzamento della Chirurgia Robotica dell'Università di Napoli Federico II. I suoi interessi di ricerca comprendono la robotica e i dispositivi medici, la chirurgia assistita da computer, i simulatori chirurgici e la valutazione delle competenze, la telemedicina, l'aptica, gli ambienti virtuali e i simulatori e l'utilizzo della semantica nella robotica.

Categoria

Intelligenza artificiale

Tipo di elemento in archivio

Progetto di ricerca

Feedback/Richiesta info